Sconto per te!

Paul Klee

Pubblicato il: comment Commenti: 0 favorite Visualizzazioni: 170

Nato in Svizzera da padre tedesco e madre svizzera, due musicisti che hanno trasmesso questa passione anche al figlio, Paul Klee – all’anagrafe Ernst Paul Klee è un pittore che ha vissuto tra il 1879 ed il 1940.

Nonostante fosse amante anche della poesia, è grazie alla pittura che si è affermato, diventando una figura di spicco che ha segnato l’arte del ventesimo secolo, anche se il lavoro da strumentista nell’Orchestra di Berna ha dato una mano all’artista nel suo percorso.

Parliamo di un esponente importante dell’astrattismo, che non vedeva l’arte solo come una riproduzione della realtà, ma come una cosa concreta, reale di per sé e questo pensiero lo applica ai suoi lavori, dove la realtà è essenziale, rarefatta e che spesso viene ridotta a semplici campiture e colorate e linee minimaliste.

Anticonformista e innovativo, Paul Klee non usa solo supporti classici per i suoi lavori, infatti adopera anche stoffe, cartoncini di ogni tipo di spessore e qualità, carta di giornale, ecc.

Nato a Münchenbuchsee, vicino Berna, Paul Klee insieme alla sua famiglia si trasferì nella capitale svizzera dove ha vissuto fino al 1898, quando decise di andare a vivere a Monaco di Baviera, nel quartiere degli artisti chiamato Schwabing, dove ha frequentato l’Accademia delle belle arti. Qui conobbe il movimento artistico Jugendstil ed in seguito si appassionò a Goya, Gustav Klimt e a William Blake.

Nel 1906 sposa Lily Stumpf, una musicista da cui ha un figlio e nello stesso anno espone alla mostra internazionale della Secessione, sempre a Monaco, mentre 3 anni dopo, espone 2 opere alla stessa mostra, ma questa volta a Berlino. Segue la mostra personale a Berna, nel 1910, allo Kunstmuseum, mentre l’anno dopo conosce alcuni grandi artisti come Vasilij Kandinskij e Franz Marc, mentre a Parigi, sempre nel 1911 conosce il pittore considerato simultaneo-cubista Robert Delaunay, pittore che con le sue ricerche sulla luce ed il colore riesce ad influenzare notevolmente il pittore tedesco Klee.

Seguono altre mostre, ma è stato il viaggio a Tunisi nel 1914 a definire lo stile dell’artista ed i colori che avrebbe usato da quel momento in poi. Infatti, in seguito l’artista ha utilizzato soprattutto tonalità calde, decisamente tipiche di quella zona geografica. Da questo momento in poi le mostre diventano continuative e Paul Klee diventerà anche docente di pittura, fino al 1933, quando la sua esperienza viene fermata dal regime nazista che lo costringe a dare le dimissioni dall’Accademia di Düsseldorf, in quanto le sue produzioni e quelle degli altri artisti simili a lui venivano considerate “arte degenerata”.

A questo punto il pittore fa ritorno in Svizzera, dove vive gli ultimi anni della sua vita e solo nel 2005, a Berna è stato aperto il Zentrum Paul Klee, museo progettato da Renzo Piano, dedicato interamente all’artista, dove vengono ospitate circa 4000 opere del pittore tedesco.

Tra le sue opere più famose, che indicativamente possono raggiungere singolarmente un valore di circa 7,5 milioni di euro, troviamo Mito floreale, Polifonia, Palloncino rosso, L’uomo del futuro, Fuoco nella sera, ecc.

Articolo a cura di: Aurora Caraman

 

Commenti

Lascia il tuo commento