Siamo offline. Lasciate un messaggio, o inviateci una e-mail all'indirizzo info@legendart.it e vi risponderemo al più presto possibile.

Marc Chagall: aspetti conosciuti della vita del pittore e scultore russo

Pubblicato il: comment Commenti: 0 favorite Visualizzazioni: 194

Nato in Russia nel 1887, Marc Chagall è stato un pittore e scultore naturalizzato francese, considerato un narratore sospeso tra il fiabesco ed il reale. Nei suoi numerosi dipinti, figure umane, paesaggi e animali si fondono con temi evangelici e biblici ed i suoi capolavori sono ospitati nei musei più prestigiosi di tutto il mondo, come il Guggenheim di New York ed il centre Pompidou di Parigi. Tuttavia, pur essendo un pittore molto conosciuto, ci sono alcune curiosità riguardanti Marc Chagall che in pochi conoscono:

Il suo vero nome non era Chagall - Chagall era ebreo e sebbene tutti conoscano il pittore con il suo nome in francese, in realtà essendo ebreo egli si chiamava Moishe Segal, mentre in russo si chiamava Mark Zacharovič Šagalov, che abbreviato era Šagal.

È stato uno dei pittori più longevi - Marc Chagall ha vissuto fino all’età di 97 anni ed ha dipinto per circa 80 anni, infatti non si conosce il numero esatto delle sue opere.

150 opere andarono perse - Durante la Prima guerra mondiale, Marc Chagall fu costretto ad abbandonare Parigi e recarsi a Berlino. Al suo ritorno, nella casa in cui viveva e dove custodiva circa 150 opere, trovò un profugo e nessun dipinto.

Soffrì di depressione - In seguito alla morte della moglie a causa di un’infezione virale, Marc Chagall per svariati anni è andato incontro ad un periodo di depressione e non dipinge più per circa 9 mesi.

Tra lui e Picasso c’era un rapporto di odio e amore - Anche se i due artisti dipingevano con stili diversi e c’era una determinata stima tra i due, essi non furono mai amici e spesso dal loro rapporto scaturiva una certa rivalità.

Dopo la morte della moglie ha avuto due relazioni con donne giovanissime - Quando Bella Chagall è deceduta, la figlia Ida ha assunto una governante per Marc, una donna di nome Virginia che aveva 28 anni meno dell’artista e con la quale Chagall ha avuto una relazione che inizialmente ha tenuto nascosta. Da questa donna ebbe anche un figlio, ma la relazione dopo qualche anno finì e Virginia andò a vivere con il suo amante, un fotografo che aveva conosciuto a New York. In seguito, la figlia Ida ha assunto una segretaria per il padre, Valentina Brodsky e Chagall, nonostante la donna avesse 25 anni meno di lui, nel 1952 la sposò.

Fu arrestato a San Pietroburgo - Nel periodo in cui Marc Chagall studiava arte a San Pietroburgo fu arrestato, in quanto all’epoca gli ebrei potevano soggiornare nella città solo per un breve periodo e dovevano essere in possesso di un permesso speciale. Durante la settimana di prigionia Marc si dedicò alla pittura.

Era una persona molto vanitosa - Nella sua autobiografia Marc Chagall dichiara che aveva l’abitudine di passare tantissimo tempo davanti allo specchio, che spesso si truccava gli occhi ed anche le labbra, inoltre amava girare nudo nel suo atelier.

Personaggio controverso, Marc Chagall morì nel 1985 nella sua casa di Saint-Paul-de-Vence, dove si trasferì nel 1966.

Articolo a cura di: Aurora Caraman.

Commenti

Lascia il tuo commento