Sconto per te!

La città di Trento

La città di Trento è un acquerello del 1495 di Albrecht Durer conservato presso la Kunsthalle Bremen, a Brema, in Germania. L’artista di Norimberga descrive in questo modo il suo approccio estetico alla dimensione naturalistica: «Ogni parte deve essere eseguita con la massima diligenza possibile nelle cose più piccole come nelle più grandi. Perciò osserva scrupolosamente la natura, attieniti ad essa e non allontanartene arbitrariamente».
150,00 €
Tasse incluse Spedizione gratuita in Italia - consegna in 24/48h
Quantità

  • Spedizione gratuita in Italia Spedizione gratuita in Italia
P-288

Scheda tecnica

Misure
cm. 60x90
1 - Caratteristiche e proprietà
Telaio in legno di abete con bordi arrotondati da cm. 3,0 di spessore
2 - Caratteristiche e proprietà
Già pronto per essere appeso
3 - Caratteristiche e proprietà
I bordi sono finiti sui lati
4 - Caratteristiche e proprietà
Tela lavabile e resistente ai raggi UV
Note
Prodotto importato
La città di Trento è un acquerello del 1495 di Albrecht Durer conservato presso la Kunsthalle Bremen, a Brema, in Germania. L’artista di Norimberga descrive in questo modo il suo approccio estetico alla dimensione naturalistica: «Ogni parte deve essere eseguita con la massima diligenza possibile nelle cose più piccole come nelle più grandi. Perciò osserva scrupolosamente la natura, attieniti ad essa e non allontanartene arbitrariamente». Nel 1494 raggiunge l’Italia per aggiornarsi di quanto accade a Venezia, e nel nostro Paese in genere, dal punto di vista formativo. È raro a quel tempo che un artista giovane viaggi per il desiderio di migliorare e di aggiornarsi: questa è una delle molte ragioni per cui è considerato il maggiore rappresentante del Rinascimento tedesco; egli viaggia moltissimo e porta modernità all’arte del nord Europa, riunendo nelle sue opere caratteristiche della pittura italiana e fiamminga. Tornando in patria nel 1495 si sofferma sul Lago di Garda e a Trento, il soggetto di questa tela. Il gioco dei colori e i cambiamenti di tonalità al mutare della luce sono ben riprodotti; egli non idealizza la natura e il paesaggio è protagonista in quanto ha un’anima. Dürer osserva la realtà e per descriverla si affida ai propri occhi: potremmo definirlo “il primo Caravaggio”. Si immedesima nel viaggiatore e ci lascia memoria di quello che vede nelle sue opere, ci lascia un appunto di viaggio, contrariamente a ogni forma di idealizzazione.

1 altri prodotti della stessa categoria:

Uno stagno nel bosco

Albrecht Durer è considerato il massimo esponente della pittura rinascimentale tedesca; grande viaggatore, mette in contatto il nord ed il sud...
167,00 €